Categories: news

Elezioni sindaci 2016: sondaggi favorevoli per CS e M5S

Elezione dei sindaci 2016: Roma, Milano e Napoli

Le elezioni dei sindaci 2016 sono il tema maggiormente affrontato in questi giorni sui giornali e in tv.
A Porta a Porta è stato presentato un sondaggio del panel IPR Marketing sulle intenzioni di voti degli italiani alle prossime elezioni. Il sondaggio mostra, in linea generale, uno svantaggio del CD a favore di Pd e M5S.

Elezione dei sindaci 2016: Roma
A Roma la sfida per le elezioni comunali vede protagonista, secondo i dati, Virginia Raggi, la candidata del M5S con il 26% delle preferenze. I partiti di destra, presi singolarmente, sono tagliati fuori dalla competizione che deciderà la prossima guida del Campidoglio. Sia Fratelli d’Italia e Lega Nord con Giorgia Meloni sia Forza Italia con Guido Bertolaso raccolgono il 15% delle preferenze degli intervistati favorendo così il candidato di sinistra, Roberto Giacchetti, che conquista il 23%. La situazione cambierebbe nel caso in cui il Centro Destra presentasse l’ex capo della protezione civile come unico candidato ,ottenendo il 24,5%.

Elezione dei sindaci 2016: Milano
A Milano invece stando alle rilevazioni il Centro Sinistra, nella partita per la successione alla poltrona di Pisapia, risulta in vantaggio sul candidato di destra. I dati sono chiari: Giuseppe Sala (Centro Sinistra) ottiene il 39%dei consensi mentre Stefano Parisi(Centro Destra) si ferma al 34%. Al terzo posto è staccato di netto il Movimento 5 Stelle con l’11% delle preferenze anche se non c’è ancora un candidato e questo potrebbe cambiare le carte in tavola.

Elezione dei sindaci 2016: Napoli
Si prospettano elezioni movimentate anche nella città partenopea dove il PD deve scegliere se candidare uno o due persone. Tuttavia i dati del sondaggio parlano chiaro. L’attuale sindaco De Magistris riconquisterebbe di nuovo la carica con il 30% dei voti favorevoli e sarebbe inevitabile lo scontro tra quest’ultimo e il candidato del CD Lettieri. Qualora il CS candidasse Bassolino e la Valente solo per il M5S cambierebbero le percentuali di voto. Gli intervistati da IPR dichiarano che preferirebbero la Valente al grillino Brambilla con il 20%, nel caso in cui questa si presentasse da sola. Se invece concorresse anche Bassolino il CS perderebbe voti, infatti l’ex sindaco finirebbe al 10%, la Valente all’11% e Brambilla al 19%.

staff

Share
Published by
staff

Post recenti

Cosa fa un Growth Hacker? Perché funziona il growth hacking?

Se stai leggendo questo articolo ti sarai posto almeno una volta queste domande. Il libro di Raffaele Gaito, Growth hacker.…

11 mesi ago

Giorni settimana inglese pronuncia

La conoscenza dell'inglese al giorno d'oggi è fondamentale, di notevole importanza per riuscire a lavorare negli ambiti più disparati, esercizi…

1 anno ago

Mobili prodotti in Italia in vendita su Pignataro Shop

Oggi per arredare casa si ha davvero l'imbarazzo della scelta sul negozio da scegliere per comprare il mobilio, soprattutto nel…

1 anno ago

Tutti i vantaggi di Amazon Prime

Amazon Prime: tutto quello che devi sapere Acquisti spesso su Amazon.it e non hai la pazienza di attendere l’arrivo del…

1 anno ago

Amazon Kindle Unlimited: cos’è e come funziona

Per chi non può fare a meno di leggere, Amazon ha creato Kindle Unlimited; un abbonamento mensile, che ti consente…

1 anno ago

Amazon Music Unlimited: tutto quello che devi sapere

Tra le ultime novità di casa Amazon c’è la possibilità di ascoltare musica durante tutti i momenti della giornata, a…

1 anno ago

This website uses cookies.